DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto Arte per tutti. Murales alla maniera di Keith Haring proposto si rivolge agli alunni della Scuola Secondaria di I Grado (sede succursale) nell'ambito della “Scuola dell'autonomia” nello specifico quale progetto di potenziamento.

Il fine ultimo del progetto è la realizzazione di un murale sulla parete della scuola.

Questo intervento si inserisce in un’ottica più ampia che la nostra D.S. ha realizzato durante l'estate con la tinteggiatura a decorazioni geometriche delle pareti delle aule e dei corridoi volta al decoro dell'istituto, al rinnovamento e alla cura dell'ambiente scolastico.

Il murales, oltre ad avere un carattere decorativo cioè molto colorato, a colori vivaci e forti contrasti, veicolerà un messaggio impegnato a diffondere valori e idee contro le diseguaglianze sociali e di genere, contro l'ignoranza le paure e la violenza.

Il sottotitolo del progetto alla maniera di Keith Haring fornisce una traccia stilistica che gli alunni dovranno studiare e rielaborare a modo loro nella prima fase progettuale attraverso schizzi e bozzetti in scala usando le tecniche espressive grafiche e pittoriche conosciute e da imparare.

DESTINATARI

Gli alunni di seconda e terza classe delle sezioni D E G della fascia media e alta delle competenze di Arte e immagine, scelti su base volontaria.

PRIORITÀ DEL RAV

Favorire lo sviluppo delle competenze di cittadinanza e convivenza civile nell'ottica dello stimolo e del potenziamento delle competenze grafico-pittoriche ed espressive.

COMPETENZE DI RIFERIMENTO

Quasi tutte le Competenze Chiave del Consiglio dell'Unione Europea (22-05-2018) in maggiore o minore misura concorrono alla realizzazione del progetto.
In particolare le competenze al numero 8 Consapevolezza ed espressione culturale che implicano la consapevolezza della importanza dell'espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni attraverso un'ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le Arti visive.
L'idea progettuale intende potenziare le competenze artistico-espressive attraverso attività laboratoriali in grado di coinvolgere sia gli alunni con evidente talento artistico, sia quelli con minori abilità artistiche e che comunque si evidenzia in nuce un talento da sviluppare.
Le attività proposte arricchiscono l'offerta formativa della scuola saranno strutturate in modo tale da incoraggiare la creatività, il pensiero progettuale, la manualità e la fruizione consapevole dei fenomeni artistici ed estetici.
Dalle competenze trasversali: Collaborare e partecipare, interagire in gruppo comprendendo i diversi punti di vista valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo le conflittualità, contribuendo all’ apprendimento comune ed alla realizzazione dell'attività collettiva in uno spirito cooperativo.

ARTICOLAZIONE DELLE FASI

Il progetto si articola in due ore di un giorno della settimana, in orario extracurriculare in coda all'orario di lezione, da novembre a giugno.

1 UDA – In aula e sulla parete da dipingere:
– presentazione del progetto, motivazione degli alunni, conoscenza tra gli alunni delle classi;
– misurazione della parete da dipingere;
– determinazione delle dimensioni reali da dipingere e sua riduzione in scala.

IDEAZIONE E PROGETTAZIONE – In aula della durata di 4-5 UDA
– studio di immagini fotografiche, da fotocopie, dal PC;
– attività grafico-pittoriche con schizzi e bozzetti con l'utilizzo di vari medium forniti dalla scuola dal sottoscritto e dagli alunni.

REALIZZAZIONE – Sulla parete da dipingere fino a completamento del murales
– attività grafico-pittoriche;
– riporto del lavoro in scala realizzato in fase di progettazione;
– pitturazione del murales usando il materiale fornito dalla scuola.

VERIFICA

Test iniziale: quesito scritto-grafico.
Verifiche in itinere attraverso osservazioni sistematiche.
Test finale: quesito scritto-grafico.
A conclusione del progetto a fine anno scolastico gli elaborati progettuali in cartaceo saranno esposti negli spazi adiacenti il murales.

RESPONSABILI DEL PROGETTO

Prof. Gaetano Brandi